Scarica Adobe Flash Player

Indirizzo internet:   www.lelite.it/rutigliano.htm
SARA RUTIGLIANO
 


Indirizzo:
via Sant’Elia, 176/B
70033 Corato (Bari)
tel. 080 / 8727526

Quotazione quadri:
oli e tempere su tela
da 900 a 6.000 €
disegni e grafica
da 500 a 1.800 €
«Figlia dei fiori» - tempera su tela - 30x40
«Figlia dei fiori» - tempera su tela - 30x40
 
«Donna con lilium» - tempera su tela - 50x70
«Donna con lilium» - tempera su tela - 50x70
 

Pittrice nata nel 1948 a Corato (Ba), si è diplomata all’Istituto d’Arte. Ha tenuto personali a Milano, Torino, Barletta, Trani e Corato (1990, Centro Studi A. Moro; 1992, Ex Ospedale Umberto 1°; 1997, Centro Arte e Caffè; 1998 e 2005, Palazzo di Città). Ha partecipato a rassegne a Firenze, Nizza, Riccione, Bari (Expo Levante, La Donna nell’Arte, Bari Città Metropolitana 2015), Giovinazzo e Martina Franca (I colori dell’Arte per nutrire il pianeta 2015), Corato (Il pendio e Maggio in Fiore), Giovinazzo (Rass. Artestate 2017), Napoli (Autunno in Cappella). Fra i premi: 1998, 2° assoluto al Conc. Città di Milano, 2° premio speciale a Cortemaggiore ed al Conc. Int. Città di Mantova; 1997, Targa Leone di S. Marco al Premio Biennale di Venezia e 2° premio al Natale dell’Artista a S. Polo d’Enza; 1999, 4° premio al Conc. Arte e Poesia a Barletta; 2002, Trofeo Azurenne a Montecarlo e Premio E. Cirese a Roma; 2008, Premio Int. Michelangelo a Roma; 2011, England Award Int. a Manchester. Recensita da A. Oberti, E. Corti, S. Perdicaro e C. Leone. Sue opere sono esposte in collezioni pubbliche e private in Italia, Germania, Canada, Stati Uniti e nel Comune di Corato. Bibliografia: La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Messaggero, Nice Matin, La Repubblica, Lo Stradone ed altri. «La pittura di Sara Rutigliano rappresenta un attento studio dell’animo umano, un viaggio dal sapore poetico, attraverso i sentimenti e le emozioni più interiori. Le sue figure femminili mostrano un desiderio di pace e di serenità che si risolve in un equilibrio formale e stilistico di impianto classico. Sono figure assorte nei propri pensieri, sospese in una dimensione di accorta spiritualità, di idilliaca bellezza. Tutto è rappresentato con delicata compostezza, in un’armonia di forme e colori sfumati, dai toni pastello che condensano le immagini in una percezione lirica lontana dai meccanismi esistenziali oggettivi del mondo contemporaneo. Questa stessa ricerca interiore si esplica tanto nelle delicate e sensibili composizioni floreali di una perfezione formale che, oltrepassando la realtà, ci porta in una natura mitizzata e trascendente, quanto nei paesaggi, luoghi dell’anima piuttosto che elementi di una naturalità oggettivamente proposta. E’ un’elaborazione estetica in chiave meditativa del nostro universo interiore, un’affabile e ispirata rappresentazione emozionale e poetica di intensa espressività» (V. Cracas)