Scarica Adobe Flash Player

Indirizzo internet:   www.lelite.it/mineo.htm
SESTO MINEO
 


Indirizzo:
via di Vit, 13
33035 Martignacco (Ud)
tel. 0432/677762
«Uguali e diversi» - acrilico su faesite telata
«Uguali e diversi» - acrilico su faesite telata
 
«Famiglia e futuro» - acrilico su faesite telata
«Famiglia e futuro» - acrilico su faesite telata
 

Pittore nato a Moruzzo (Ud) nel 1936, ha iniziato come sbalzatore nella bottega del padre. Seguito da più maestri, è stato allievo del Prof. C. Iussa. Ha tenuto mostre personali a New York (Casa Zerilli-Marinò, 1998), Tricesimo (Sala G. Ellero, 2001), Udine (Ass. Cultura della Provincia di Udine, 2004) e Dignano (Casa Comunale, 2012). Ha preso parte a collettive ed eventi culturali in Italia a Rimini, Milano, Parma, Rovigo, Firenze, Torino ed all’estero in Messico, Tunisia, Kenya, Marocco, Spagna, New York, Polonia, Argentina, Uruguay, Svezia, Finlandia, Estonia. Ha partecipato a rassegne ottenendo premi di rilievo. Fra i tanti Medaglia d’Argento a Rimini, 1987; Targa S. Dalì a Milano, 1989; Medaglia d’Oro Renato Guttuso /Acc. Int. Città di Roma, 1989; Premio Il Gazzettino a Vigonza (Pd); Premio Amm.ne Provinciale di Rovigo, Trofeo Italia 90, titolo di Accademico di Merito all’Acc. “Il Machiavello” a Firenze e Medaglia d’Oro al Concorso di Mapello, 1990; Oro a Villanova del Ghebbio, 1991; Coppa Fondiaria a Milano Malpensa, 1994; Oro al Conc. Arte in Polesine di Rovigo, 1995; Medaglia d’Argento a Ponzano Veneto; Targa Città di Parma a Colorno. Hanno scritto di lui i critici L. Perissinotto, P. Centioni, M. D. Storari, N. Zaccuri, V. Sutto, C. Iussa, E. Santese, G. Falossi, C. M. Feruglio, V. Cracas, R. Perdicaro ed altri. E’ stato recensito su giornali, riviste, volumi d’arte, radio e televisioni tra cui: Arte Contemporanea dal Dopoguerra ad Oggi (Mondadori), Arte Contemporanea Italiana (De Agostini), Arte Oggi, Emozioni Visive, Libro d’Artista, Pensare ad Arte, L’Elite, Appunti di Viaggio Peraspera, Radio Rai3, Telefriuli. Sue opere sono nelle sedi di varie amministrazioni pubbliche ed in numerose collezioni italiane, francesi, austriache, statunitensi e in permanenza presso Ass. Culturale Aura. «L’opera pittorica di Sesto Mineo rappresenta una ricerca estetica dove sono presenti, in modo evidente, elementi grafici ed espressivi. Le immagini si definiscono in categorie naturalistiche che tendono a realizzarsi in un ambito emozionale, piuttosto che nel raggiungimento di convenzionali visioni realistiche. Sono nature morte che vengono rivisitate cromaticamente, attraverso una vibrazione del colore intenso e puro, dalla forte valenza espressiva. Su uno sfondo ricolmo di un cromatismo effusivo e vitale, emerge precisa l’immagine di frutti che si stagliano netti, in una evidente contrapposizione tonale, sottolineata anche dall’attenta definizione delle forme. Sono elementi emblematici, simbolici, che vanno oltre ogni volontà di mimesi, categorie mentali idealizzate più che rappresentative forme della natura. Il singolare taglio compositivo concorre a sottolineare questo assunto, generando un contesto grafico dove l’oggettivazione della forma si definisce nella logica di uno spazio poetico esteticamente e cromaticamente riletto.» (R. Perdicaro)