Scarica Adobe Flash Player

Indirizzo internet:   www.lelite.it/licchello.htm
BIAGIO LICCHELLO
 


Indirizzo:
via Indipendenza, 120
73059 Ugento (Le)
tel. 0833 / 555193
cell. 333 / 9788479

Quotazione opere:
da 800 a 3.000 €

E-Mail:
biagiolicchello@hotmail.it

nternet:
www.biagiolicchellodipinti.com
«Sunset Sea Adventure» - olio - 100x70
«Sunset Sea Adventure» - olio - 100x70
 
«Onda celestiale» - olio - 100x70
«Onda celestiale» - olio - 100x70
 

Pittore, è nato a Reconvilier (Svizzera) nel 1966, ma vive e lavora ad Ugento (Le). Ha frequentato diversi corsi di tecnica pittorica per poi elaborare autonomamente la propria cifra artistica e stilistica. Artista poliedrico, esegue dipinti con varie tecniche pittoriche, tra cui olio, olio a spatola, acrilico, aerografo ed altre. Tra i suoi soggetti preferiti si annoverano i paesaggi (marine, mareggiate), composizioni (fiori, animali), ritratti (tradizionali, astratti e caricature). L’artista cerca sempre di realizzare dipinti espressivi, intensi e dinamici. «La pittura di Biagio Licchello si sviluppa in un percorso che si svolge fra fantasia e realtà. Il paesaggio, uno dei suoi soggetti preferiti, viene, infatti, riletto attraverso un ricercato percorso dello spirito e portato verso mete possibili del pensiero. Si compie un viaggio interiore in luoghi idealizzati, dal sapore fiabesco, alla ricerca di una dimensione di serenità e felicità. Quello che il pittore vuole rappresentare è, quindi, uno stato d’animo, un ritrovare una condizione che rappresenti una via di salvezza da una realtà oggettiva che spesso ci angoscia e sembra non dare alternative. Anche questo può essere un valido motivo per fare arte, fornire a ciascuno la convinzione che è possibile trovare, magari dentro di noi, un’altra possibilità, una scelta che ci permetta di non perderci nel labirinto, spesso pieno di dolore, del mondo. Quali allora gli strumenti che l’artista può usare per questo viaggio dell’anima? Innanzitutto la scelta dei luoghi, ambienti naturali come spiagge infinite, serene montagne ricche di meravigliose cascate, profondi spazi siderali, ma anche ambienti reali, magari letti attraverso lo sguardo della creatività e dell’interpretazione. Altro strumento è il colore, una scelta cromatica che rappresenta l’essenza della vita, proposta da Licchello con una corposità densa e forte. Colori ora ricchi di contrasti tonali, stesi con pennellate vigorose e decise, ora cromaticamente più lievi e dolci, proposti con sensibilità e affabilità di segno. Una scelta che non ha niente di naturalistico, proprio perchè l’intenzione è di scoprire altri mondi, altre realtà dall’essenza metafisica. Quello che è sostanziale, è la capacità di meravigliarsi, di lasciarsi sorprendere dall’ideale di bellezza che si vuole perseguire, facendosi coinvolgere in un momento di pura verità contemplativa, alla ricerca di valori che appartengono indissolubilmente alla nostra vita.» (V. Cracas)