Scarica Adobe Flash Player

Indirizzo internet:   www.lelite.it/gistri.htm
NADIA GISTRI
 


Indirizzo:
Circonvallazione Ostiense, 55
00154 Roma
cell. 347 / 9931089

Quotazione quadri:
da 400 a 5.000 € per il trittico

E-Mail:
nadiagistri@gmail.com
«Connessione»
«Connessione»
 
«Cuore di luna»
«Cuore di luna»
 

Pittrice, nasce a Firenze, vive ed opera a Roma, dove ha frequentato la facoltà di architettura. Inizia l’attività pittorica diciassettenne, apprezzando e studiando i maestri macchiaioli e la scuola impressionista. Di impostazione figurativa, tende a raggiungere un personale surrealismo. Da oltre 10 anni, il suo studio artistico è volto ad elaborare paesaggi dell’inconscio, ricreando atmosfere emozionali e surreali, ciò che “vede” è una natura umanizzata. Vuole ricreare in pittura un mondo carico di magia, un sogno allusivo che si condensa sovente in un raggiunto equilibrio fra essere e natura. Dal 2001 è iscritta all’Ass. ArtStudioTre ed è presente in molte collettive e in varie edizioni della Rassegna di Roma. Nel 2003 è fra i 140 artisti delle impronte a regola d’arte “Inchiostro Indelebile” esposte al MACRO. Ottiene vari premi e riconoscimenti, è presente in alcune edizioni del Premio Maremma e del Premio Roma, nella Galleria Il Leone. Tra le mostre più recenti si segnalano: 2012, Premio Liberty, Linea Forma Colore 6° Premio Int. Natale di Roma; 2014, Art Shopping, Carrousel du Louvre, Parigi; 2015, Art Expo Barcellona, Ada Art Gallery, Barcellona; Trofeo 20 Regioni, Cascina Farsetti e Museo Villa Pamphili, Roma; Museo Guidi, Forte dei Marmi; Galleria Farini, Bologna; 2016, Art Expo Roma, Gall. Domus Aurea, Arte in Fiera, Bologna; 2017, inserimento nell’Albo Naz. degli Artisti del Centro Accademico Maison d’Art con il Premio Palladio, Villa Contarini, Padova. Hanno scritto del suo lavoro: L. Ravallese, C. Lepri, C. D’Aquino Mineo. « L’opera pittorica di Nadia Gistri si colloca in un ambito espressivo che, partendo da una rilettura della realtà che abbandona una visione puramente naturalistica, si rivolge alla creazione di un microcosmo che cerca l’armonia con il proprio immaginario. Si vuole così suggerire un paesaggio interiore, un luogo privilegiato di riflessione sulle cose e sull’uomo, che vada oltre le apparenze e riscopra il valore del simbolo, della metafora. L’eleganza stilistica, nel rapporto segno-colore, si concretizza attraverso l’uso sapiente degli equilibri compositivi, per realizzare un divenire, un movimento che sottintende un moto dell’animo. Nel dipinto intitolato “Connessione” il gesto pittorico, si fa intenso e sinuoso, in un vortice dove fiore e sole si uniscono in simbiosi, riscoprendo l’uno nell’altro la propria ragione d’essere. La cromia intensa, vibrante, in un continuo divenire fra sintesi e descrizione, evoca una favola esistenziale recuperata all’immaginazione e vicina all’essenza del mistero. E’, quella dell’artista, una visione sensibile, mediata intellettualmente ma spontanea nel rivelarsi, come una poesia estetica che ci conduce in un universo magico, ricco di suggestioni, in una rinnovata dialettica fra natura e uomo.» (R. Perdicaro)