Scarica Adobe Flash Player

Indirizzo internet:   www.lelite.it/cerri.htm
MARILYN CERRI
 


Indirizzo:
viale Pesciacroce, 10
70014 Conversano (Ba)
cell. 346 / 0617832

E-Mail:
marilyn.cerri@hotmail.it
info@cerrimarilyn.com

Internet:
www.cerrimarilyn.com
«Vaniglia» - olio - 30x30
«Vaniglia» - olio - 30x30
 
«Il tempo delle pere» - olio - 60x40
«Il tempo delle pere» - olio - 60x40
 

Pittrice, artista poliedrica, nata a Conversano (Ba) nel 1988 si è laureata in Conservazione e Restauro a Lecce. Più volte selezionata e premiata in importanti concorsi. «La sua attività parte dalla strutturazione della materia come mezzo di espressione dell’arte ad approda nella pittura realista e contemporanea. La ricercatezza dei particolari è sempre presente nelle sue opere, nulla è lasciato al caso. La lavorazione dell’argilla è stato il suo primo Amore, la grazia delle forme e le idee fuori dal comune la contraddistinguono dalla massa. L’emotività e l’energia delle sue idee sono sfociate nella pittura sia in campo realista che contemporaneo. Partendo dalla fotografia sceglie le pose, la luce, i tratti più caratteristici per dar vita ai suoi dipinti che esprimono...passione e dedizione.» «La creatività di Marilyn Cerri si sviluppa tramite opere pittoriche che mirano, attraverso un’operazione che rimanda a certe assonaze con l’arte pop, a creare un’iconografia della memoria, recuperando immagini di personaggi del passato per proporli in nuovi e diversi contesti visuali. Attraverso il linguaggio dell’ironia si attua un sorta di celebrazione di vere icone popolari come Totò, o personaggi politici dell’ottocento, le cui immagini sono ora riproposte come soggetti di famose opere pittoriche del passato, oppure appaiono immortalati in ipotetici francobolli celebrativi. E’ un’operazione di tipo concettuale, un viaggio nella memoria, nella rilettura di un passato rivisto attraverso un’attenta riflessione del significato a cui può assurgere l’immagine, in una sorta di emblematizzazione figurale. Sono modelli iconografici che, attraverso un processo di elaborazione intellettuale, portano la pittrice ad attuare una personale ricerca estetica, dove l’arte rilegge se stessa in una configurazione simbolica e creativa. E’ un messaggio di recupero di significati, in un rigoroso e intelligente modo di costruire visioni e rapporti segnici ottenuti tramite divertite evocazioni figurali. Tutto viene proposto attraverso un’elaborazione grafica di forte spessore che evidenzia una sicura e raffinata tecnica pittorica. Queste opere entrano in un ambito di ricerca che si risolve attraverso un linguaggio complesso e raffinato, strutturato in un sottile equilibrio formale e concettuale di sintesi storica.» (V. Cracas)