Scarica Adobe Flash Player

Indirizzo internet:   www.lelite.it/canetta.htm
RITA CANETTA
 


Quotazione opere:
da 5.000 a 20.000 €
«Rosa rossa» - oro in foglia e acrilico - 100x100
«Rosa rossa» - oro in foglia e acrilico - 100x100
 
«Vaso con ortensie» - oro in foglia e acrilico - 30x40
«Vaso con ortensie» - oro in foglia e acrilico - 30x40
 

Pittrice, è nata a Milano, dove ha vissuto per molti anni ed ha compiuto gli studi frequentando la Scuola del Nudo presso l’Accademia di Brera. Ha allestito numerose personali in Italia (Milano, Roma, Vigevano, Grotte di Castro) ed all’estero (Saint Moritz, Città del Messico, Tokyo, Hong Kong). Ha ottenuto premi e riconoscimenti prestigiosi in rassegne nazionali e internazionali. Fra i più importanti si citano: targhe e medaglie al Premio Giubileo/ Artista del Millennio con pergamena di Papa Giovanni Paolo II; Gran Nomina di Cavaliere dell’Arte e Maestro d’Arte honoris causa nel 2003 da parte dell’Accademia Internazionale dei Dioscuri; Premio Nobel dell’Arte 2005 ad Euro Art Expo di Montecarlo; medaglie da parte del Comune di Ladispoli, dove nel 2011 ha partecipato alla Rassegna di Pittura per i 150 Anni dell’Unità d’Italia ed alla mostra “L’Unità d’Italia nell’Arte” presso la Biblioteca Comunale. Pluriaccademica, è stata recensita dai critici Giorgio Falossi, Antonio Oberti, Mario Monteverdi, Vito Cracas, Salvatore e Roberto Perdicaro ed altri. Il suo lavoro è stato presentato su giornali, riviste e volumi d’arte (Comanducci, Il Quadrato, Agenda del Collezionista ed altri). Sue opere sono custodite in collezioni pubbliche e private in Italia ed all’estero. «L’opera pittorica di Rita Canetta presenta una dimensione estetica di grande coinvolgimento emozionale che si condensa in significative rappresentazioni figurali. Le sue nature morte si pongono come emblematiche iconografie che trasmettono un senso di lirica armonia e grande sensibilità. In queste opere la pittura si riappropria del suo ruolo descrittivo e di affabile suggeritrice di emozioni, di sentimenti tanto profondi quanto spesso celati e sottaciuti. Una narrazione pacata ma elegante, che ci propone le cose in modo naturale, per quello che sono, impreziosendole però anche con l’intervento raffinato della foglia d’oro che astrae l’immagine dal contesto reale. In questo modo si giunge ad una visione efficacemente comunicativa che possiede la capacità, propria della poesia, di sottindendere e alludere. In un equilibrato accordo fra elemento compositivo e coloristico, l’artista giunge a risultati di forte coinvolgimento lirico, alla ricerca di un ideale di bellezza che non è solo valore estetico, ma soprattutto un risvolto interiore. Un fare arte che tiene conto della tradizione, ma che ha anche la capacità di rinnovarsi e di riproporsi in un attento rapporto, creativo ed ispirativo, fra l’oggettività della rappresentazione e il desiderio di comunicare.» (R. Perdicaro) Indirizzo: Ladispoli (Rm).